Neve e Colori. Una città da cartolina: Mosca

Il Natale in Piazza Rossa

Mosca è una Capitale da Cartolina ed anche se sono amante di luoghi con temperature calde questa città regala emozioni e calore.

Ho visitato questa città in occasione del workshop ENIT tenutosi nel mese di dicembre e ne ho approfittato per visitare i posti di maggior interesse turistico. Tra le note importanti il clima rigido è il padrone di questa città. Chi volesse visitare Mosca nei mesi invernali deve sapere che le temperature sono rigide e che è bene munirsi di scarpe comode, magari da neve, maglie e calze termiche.
A proposito di scarpe, una volta arrivata essendo una fashion addicted mi domandavo come fosse possibile che le donne russe utilizzassero tacchi vertiginosi durante le nevicate e clima prettamente invernale. Sappiate che queste ragazze portano con loro il cambio e una volta entrate nei locali tirano fuori le scarpette nascoste, ed ecco Cenerentola volteggiare all’interno dei famosi Caviar Bar.
Il Caviar bar più famoso si trova a Red Square 3, in pieno centro dentro il Gum, il centro commerciale che corre intorno Piazza Rossa.

Qui consiglio l’aperitivo con assaggi di Caviale rosso e nero e un bicchiere della Vodka Belunga. È un Bar elegante e raffinato dove potrete sedervi in relax dopo lo shopping ma fate attenzione accettano solo contanti!

  

Il Russian Style e quello Italiano.

In Russia ho incontrato un amico Pierangelo Carbonara che ha aperto un ristorante, oggi noto, nel centro storico, come Ristorante “Officina”. Insieme allo Chef Mircko Zago regalano una cucina creata con prodotti italiani ma con un accento russo. Se vi trovate a Mosca dovete provare la loro cucina. Il luogo è accogliente e i piatti sono deliziosi. Il must: “questa non è una carbonara”.

 

Piazza Rossa e il pattinaggio.

In Piazza Rossa da Dicembre si estende una lunghissima Pista di Pattinaggio sul Ghiaccio con annesso Mercatino Natalizio.
Non andate al mattino, è chiuso, mentre dal pomeriggio potete noleggiare pattini oppure sedervi ed assaggiare prodotti tipici all’interno della Piazza. Una nota importante: noi italiani che siamo abituati a vedere il giorno alle 9 del mattino, ecco in Russia posso dirvi che alle dieci è giorno e alle sedici diventa buio, quindi poche ore di luce. Ma questo non sottrae nulla alla bellezza della città che viene avvolta da luci natalizie e alberi di natale di diversa grandezza.

Il MUST: la metropolitana

La metropolitana V. I. Lenin di Mosca è famosa per la bellezza architettonica di alcune stazioni, esempi dell’arte del realismo socialista. Le  stazioni sono197 di cui 44 sono considerate patrimonio culturale. La metropolitana di Mosca risale al 1935 e rappresenta uno dei più grandi progetti architettonici realizzati dall’ex-URSS. Un giretto ve lo consiglio!

Consigli utili:
Abbigliamento caldo e termico, lì la temperatura può arrivare a -30 gradi
Dall’aeroporto all’hotel prenotate un NCC con FOX dall’Italia, vi costa meno e non dovete stare a negoziare con i tassisti. La lingua può essere un problema, non tutti parlano inglese.
Gli Hotel: un buon 3* in centro pulito ed accogliente con Staff English Speaking è l’Hotel Eden in ulitsa Solyanka 1 drob 2 str 1, Basmannyj. Se invece non badate a spese andate al St. Regis Ulitsa Nikolskaya 12, Tverskoj.

 

 

Da visitare:

Piazza Rossa
Il Cremlino, L’Armeria e il Fondo dei diamanti
La Cattedrale di San Basilio
I Grandi Magazzini GUM
Il Teatro Bolshoi e la via Tverskaya
Galleria Tretyakov
Cattedrale del Cristo Salvatore
La metro di Mosca
Parco Gorkij
Convento e cimitero di Novodevichy
Il Mausoleo di Lenin
Bunker-42 o Museo della Guerra Fredda
Museo della Cosmonautica
Mercato di Izmailovo

Una piccola riga sulla Cattedrale di San Basilio detta anche dell’Intercessione: è celebre per la copertura a forma di cipolla arricchita di colori intensi. È stata costruita negli anni 1555-1561 su ordine dello zar Ivan il Terribile per commemorare la vittoria sul khanato di Kazan, avvenuta nel giorno dell’intercessione della Vergine. Visitatela ….è wowwwwwwwwww

Mosca è una città stretta nelle sue regole, la polizia controlla tutto il centro storico e si ha come la sensazione di essere al “sicuro”, anche se le temperature sono fredde senti il suo abbraccio come un padre protettivo. È un luogo che consiglio per 3 o 4 giorni. L’architettura è maestosa e perfetta, tutto al proprio posto. Ordine e Regole, questo mix funziona.

 

Se cercate una città dove il bagaglio storico è ancora presente, le regole sono rispettate e il popolo ama madrepatria, Mosca è la capitale perfetta.
Il mio voto 10 su 10.

Hiromi Cake, la prima pasticceria giapponese a Roma

Hiromi Cake, la prima pasticceria giapponese a Roma

Hiromi Cake la prima pasticceria giapponese a Romatratto dal blog "La Polpetta sui Tacchi. Il quartiere Prati torna a far parlare di sé grazie ad una nuova apertura verso il mondo.Questa è la volta della prima pasticceria tipica giapponese, Hiromi Cake.La pastry chef...

leggi tutto
Londra la città che non dorme mai

Londra la città che non dorme mai

From Rome to London with Maximo   Londra : la città che non dorme mai. A qualsiasi ora arrivi , Londra si presenta a te sempre come una città piena di colori, luci e rumori che chiama a se ogni anno milioni di turisti. Ma perché piace così tanto? Vado tutti gli anni...

leggi tutto
È magico…è Sextantio

È magico…è Sextantio

È magico…è Sextantio Scappo dalla grande città e mi ritrovo a vivere nel Medioevo Sextantio l’Hotel diffuso di Santo Stefano di Sessanio, l’Aquila. Nato dal progetto dell'imprenditore Daniele Khilgren, il Sextantio è un hotel diffuso. Questo tipo di...

leggi tutto
It is magical…it is Sextantio

It is magical…it is Sextantio

It is magical…it is Sextantio How I escaped the big city and found myself living in the Middle Ages Hotel Sextantio diffuso di Santo Stefano di Sessanio, l’Aquila Born from the project of the entrepreneur Daniele Khilgren, the Sextantio is a widespread hotel. This...

leggi tutto