Bullismo e Mobbing in Azienda

Vi racconto la mia esperienza

 

Probabilmente il termine Bullismo e Mobbing li avete già sentiti e in molti anche involontariamente l’avranno subito (chi più, chi meno) senza nemmeno capire cosa fosse.
Cerchiamo di partire dal termine della parola:
Bullismo: è un comportamento di tipo violento e intenzionale, di natura sia fisica sia psicologica, oppressivo e vessatorio, ripetuto nel corso del tempo.
Mobbing: significa accerchiare, aggredire in gruppo. È il comportamento tipico del branco che assale la preda, e indica una situazione lavorativa di conflittualità, sistematica e persistente, nella quale una o più persone vengono fatte oggetto di azioni, “persecutorie”, da parte di uno o più aggressori superiori, inferiori o di pari grado. Lo scopo: danneggiare la vittima/e.

Prima di continuare vi posso senza dubbio dire che la maggior parte delle volte il “carnefice” non sa di esserlo.
Questo tipo di atteggiamento nei confronti di una persona però può portare a drammatiche conseguenze: dimissioni, depressione, allontanamento fino alla più atroce, il suicidio.
In questo articolo non voglio parlare delle varie distinzioni di questo processo ma soltanto spiegare al “carnefice” che è meglio fermarsi e alla “vittima” di comprendere gli eventi

Il “Carnefice”

Ognuno di noi ha la sua routine, problemi personali, caratteri diversi e come accade non ci si rende spesso conto di una frase detta o di azioni fatte, ma tutto ha una conseguenza sia le parole sia le nostre azioni. Siamo preda dei nostri sensi: rabbia, dolore, invidia, superbia, inimicizia, gelosia e competizione tutti sensi radicati dentro di noi. E non è un caso se si parla di peccati capitali.
“Grande è colui che per eccellere e dimostrare quanto vale non distrugge gli altri”.
Parlo proprio di te, “carnefice”, tu che sparli, tu che ingigantisci le situazioni, tu che ce l’hai con lei/o con lui perché non lo sopporti, perché ha di più di te, perché non ti sorride, perché provi invidia per tutto quello che ha.
Tutta questa concentrazione e utilizzo di forze per questo? Ma perché non sorridi e ne parli prima di renderti colpevole di un dolore causato proprio da te? Pensi di sentirti meglio?
Te la do io una risposta: nell’eventualità che alla tua vittima succeda qualcosa a causa del tuo atteggiamento, non potrai più tornare indietro chiedendo scusa ed il senso di colpa coverà in te.
Purtroppo, però non capirai nemmeno quanto scritto ma ricordati la rabbia porta solo danni e mai soluzioni.
La lacrima versata dalla tua vittima è a causa tua.

La “Vittima”

Tu sei lì, la mattina non ti va di affrontare il lavoro e preferiresti non entrare in ufficio piuttosto che subire ancora.
Ti sei arrovellato nei tuoi pensieri cercando una soluzione, parlandone con qualcuno ma ancora sei lì a subire? Si è una situazione normale durante questo periodo. Nella tua mente non riesci a capire il “perché” e le tue domande sono sempre le stesse: ma cosa ho fatto, perché mi tratta così, ma si rende conto. E allora esce la tua rabbia, inizi a dare contro al tuo “carnefice”
Ei la vuoi sapere la novità? Stai aggravando la tua situazione perché più lo fai più lei o lui farà di peggio. Perciò fermati! Metabolizza e cerca di comprendere il perché.
Quando l’hai capito trova la soluzione.
Ogni persona è diversa, ad alcuni servono delle azioni ad altri una parola dolce al momento giusto.
Io ti capisco, la tua infelicità ti sta opprimendo.

“La mia esperienza”

È successo a me! Sono stata vittima e lo sono ancora, ma sono felice di non essere mai stata Carnefice e sapete perché…. “perché non devo chiedere scusa a nessuno”
Non ci sono molte soluzioni quando ti accade ma ve ne elenco alcune
– Parlane con qualcuno
– Prova a sederti faccia a faccia col tuo carnefice
– Chiudi ogni tipo di relazione che hai con chi ti fa del male
– Trova la giusta soluzione per te stesso.

Oggi non è facile, ma penso che l’AZIONE possa essere più dura di una parola…la vendetta non serve a nulla.

Crea l’azione con cui il tuo “carnefice” capisca il male che fa e metti un punto allodio.
Siamo lontani da tanti sentimenti ormai: la compassione, l’amore, il bene e tanto altro ma è la società in primis che è malata e da lì le persone diventano la sua immagine.

È bello dire “se ognuno di noi cambiasse”, ma non succederà mai…è la nostra condanna.
Abbiamo una sola cosa ed è potente: LA SCELTA. Scegliete! Scegliete bene parole e azioni…impossibile non esiste, esiste il possibile.
È l’errore di pensare che non si ha una scelta a renderci infelici. Ma l’abbiamo tutti e può essere terribile e bellissima.
Sta a voi! Io scelgo un’ AZIONE, le conseguenze le vedrò a posteriori.

Albert Einstein sulla Bomba Atomica.
“Se solo avessi saputo quello che stavano per fare sarei diventato un calzolaio!”

Ho un Sogno e si chiama Italia

Ho un Sogno e si chiama Italia

Ho un Sogno e si chiama Italia Voglio parlarvi della paura, di te e di me, dei paesi vicini e di quelli lontani È la mia lettera ed è per tutti voi.  Ciao mi chiamo Nerina ho 38 anni e oggi non so cosa succederà a me e al mio paese, l’Italia. Ogni giorno mi...

leggi tutto
Hiromi Cake, la prima pasticceria giapponese a Roma

Hiromi Cake, la prima pasticceria giapponese a Roma

Hiromi Cake la prima pasticceria giapponese a Romatratto dal blog "La Polpetta sui Tacchi. Il quartiere Prati torna a far parlare di sé grazie ad una nuova apertura verso il mondo.Questa è la volta della prima pasticceria tipica giapponese, Hiromi Cake.La pastry chef...

leggi tutto
Neve e Colori. Una città da cartolina: Mosca

Neve e Colori. Una città da cartolina: Mosca

Neve e Colori. Una città da cartolina: Mosca Il Natale in Piazza Rossa Mosca è una Capitale da Cartolina ed anche se sono amante di luoghi con temperature calde questa città regala emozioni e calore. Ho visitato questa città in occasione del workshop ENIT tenutosi nel...

leggi tutto
Londra la città che non dorme mai

Londra la città che non dorme mai

From Rome to London with Maximo   Londra : la città che non dorme mai. A qualsiasi ora arrivi , Londra si presenta a te sempre come una città piena di colori, luci e rumori che chiama a se ogni anno milioni di turisti. Ma perché piace così tanto? Vado tutti gli...

leggi tutto
È magico…è Sextantio

È magico…è Sextantio

È magico…è Sextantio Scappo dalla grande città e mi ritrovo a vivere nel Medioevo Sextantio l’Hotel diffuso di Santo Stefano di Sessanio, l’Aquila. Nato dal progetto dell'imprenditore Daniele Khilgren, il Sextantio è un hotel diffuso. Questo tipo di...

leggi tutto
È magico…è Sextantio

It is magical…it is Sextantio

It is magical…it is Sextantio How I escaped the big city and found myself living in the Middle Ages Hotel Sextantio diffuso di Santo Stefano di Sessanio, l’Aquila Born from the project of the entrepreneur Daniele Khilgren, the Sextantio is a widespread hotel. This...

leggi tutto