Hiromi Cake

the first Japanese pastry in Rome

from the blog “La Polpetta sui tacchi”

The Prati district returns to be talked about itself thanks to a new opening towards the world.
This is the turn of the first Japanese traditional pastry, Hiromi Cake.

The pastry chef Hiromi has opened his laboratory where he spreads his waghashi culture, that is the culture for traditional desserts, small and perfect in their elegant appearance. Their refined taste is born to accompany the traditional tea ceremony. The chef’s workshop is completely in “pink”, three other Japanese girls work with her, often under the curious and attentive gaze of the customers, spectators of live cooking show.

 

The history of Hiromi, award-winning for its eco-sustainability for her creations, is really fascinating. Personally she went to the mango plantations and studied a line of sweets dedicated, using one of the most expensive foods on the Japanese market, obsessed with the beauty of the fruit. The perfection of the dessert which is made, it requires a whole day of work and it takes fifteen steps. The most important thing of Japanese culture is the aspect that must satisfy taste and sight. aesthetically The desserts seems of West culture but they are completely different on taste. The original taste is made with rice flour, azuki beans, sweet potatoes, but also sesame, soy, agar-agar (the vegetable gelatine of algae) and not so much sugar.
The most famous plate is called Mochi, boiled rice and molded into meatballs with the most imaginative toppings, the Kawaii (strawberry mousse with a chocolate heart based on shortbread filled with almond cream), the Fuji San or the revisitation of the montblanc with tortilla stuffed with azuki (red beans), white beans and Matcha, and finally the Kurò or a dark chocolate mousse.

Fuji San. White chocolate, fresh cream, macha, white and red beans.


Aka. Heart of strawberry and white chocolate



Kamakura. Green tea, azuki, brown sugar, chocolate and cream.

These are some of the beautiful and delicious desserts that you will find in this light blue pastry. The most photographable place in the world! Every day, from the morning to the night, you can find single portions and the cost varies between 2.80 and 4.80 euros per piece.
For special occasions you can also order cakes and choose 100% Arabica coffee, a glass version cappuccino matcha to take away or you can choose to take part in the tea light ceremony.

HIROMI CAKE  – Via Fabio Massimo 31 – 00192 Roma – Tel. 06 9799 8566

Ho un Sogno e si chiama Italia

Ho un Sogno e si chiama Italia

Ho un Sogno e si chiama Italia Voglio parlarvi della paura, di te e di me, dei paesi vicini e di quelli lontani È la mia lettera ed è per tutti voi.  Ciao mi chiamo Nerina ho 38 anni e oggi non so cosa succederà a me e al mio paese, l’Italia. Ogni giorno mi...

leggi tutto
Bullismo e Mobbing in Azienda

Bullismo e Mobbing in Azienda

Bullismo e Mobbing in Azienda Vi racconto la mia esperienza  Probabilmente il termine Bullismo e Mobbing li avete già sentiti e in molti anche involontariamente l’avranno subito (chi più, chi meno) senza nemmeno capire cosa fosse.Cerchiamo di partire dal termine...

leggi tutto
Hiromi Cake, la prima pasticceria giapponese a Roma

Hiromi Cake, la prima pasticceria giapponese a Roma

Hiromi Cake la prima pasticceria giapponese a Romatratto dal blog "La Polpetta sui Tacchi. Il quartiere Prati torna a far parlare di sé grazie ad una nuova apertura verso il mondo.Questa è la volta della prima pasticceria tipica giapponese, Hiromi Cake.La pastry chef...

leggi tutto
Neve e Colori. Una città da cartolina: Mosca

Neve e Colori. Una città da cartolina: Mosca

Neve e Colori. Una città da cartolina: Mosca Il Natale in Piazza Rossa Mosca è una Capitale da Cartolina ed anche se sono amante di luoghi con temperature calde questa città regala emozioni e calore. Ho visitato questa città in occasione del workshop ENIT tenutosi nel...

leggi tutto
Londra la città che non dorme mai

Londra la città che non dorme mai

From Rome to London with Maximo   Londra : la città che non dorme mai. A qualsiasi ora arrivi , Londra si presenta a te sempre come una città piena di colori, luci e rumori che chiama a se ogni anno milioni di turisti. Ma perché piace così tanto? Vado tutti gli...

leggi tutto
È magico…è Sextantio

È magico…è Sextantio

È magico…è Sextantio Scappo dalla grande città e mi ritrovo a vivere nel Medioevo Sextantio l’Hotel diffuso di Santo Stefano di Sessanio, l’Aquila. Nato dal progetto dell'imprenditore Daniele Khilgren, il Sextantio è un hotel diffuso. Questo tipo di...

leggi tutto